* * *
Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Hai perso l'e-mail di attivazione?
27 Febbraio 2017, 10:02:51

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Links

ads

Supporta il Forum per 2016-2017

Supporta anche tu CentOS-Italia.org in maniera del tutto gratuita.

Accedendo ad Amazon seguendo queste istruzioni

Quando effettui un acquisto una piccola percentuale viene data da Amazon a noi, in modo da poter pagare le spese di gestione e continuare ad avere un forum privo di banner pubblicitari.

Grazie a tutti del supporto

Buon Forum

Benvenuto


Benvenuto su la Community CentOS-Italia.Org

La Community Italiana di Linux CentOS e' lieta di averti tra noi , CentOS-Italia.Org e' un risorsa di guide e forum dal principiante al sistemista senior.
Clicca qua per registrati ora

La registrazione e' gratuita e ti consente di avere pieno accesso alle risorse di CentOS-Italia.org , come uso della ricerca avanzata , le funzioni interattive del portale e visualizzare i links nei post.
Gli utenti registrati non visualizzano gli ads, quindi registrati subito se non l'hai gia fatto.

Lo staff di CentOS-Italia.Org cerca di rendere la community un posto piacevole e il piu' produttivo possibile, invitiamo quindi i nuovi utenti a leggere le regole base.
Per info o problemi di registrazione scrivere a centos (at) centos-italia.org .
Premessa:
La data di redazione di questa guida è 28/01/2011

Ringraziamenti a dankan77 e zendune, grazie ai suggerimenti/consigli/indicazioni sono riuscito a impostare tutto in poche ore.

La virtualizzazione non è la soluzione a tutti i problemi, se dovesse rompersi la macchina reale saranno ovviamente ferme anche tutte le macchine virtuali, tenetelo ben presente e preparatevi un piano di emergenza per il recovery (backup delle macchine virtuali, ecc.)

In questa guida tratterò esclusivamente la predisposizione del server e la creazione di macchine virtuali "nuove", per quanto riguarda la migrazione P2V (physical to virtual, ovvero come trasformare un server reale in una macchina virtuale) spero di redigere una guida nei prossimi mesi.

Cercherò di utilizzare termini poco tecnici in modo da rendere chiaro anche a chi non ha pratica di virtualizzazione e la guida prevede anche l'uso dell'interfaccia grafica che rende semplici molte operazioni necessarie.

Obiettivo:
Sostituzione di macchine che non sono più in grado di gestire il carico di lavoro, ridurre spese di gestione; nel mio caso specifico non ho budget per sostituire 2 server, ma posso "permettermi" una macchina in grado di rimpiazzarli.

Prima di iniziare:
Procuratevi il dvd di installazione di Centos 5.5 64bit, in questo modo si potranno virtualizzare sistemi a 32 e 64 bit, inoltre si può gestire molta RAM
Procuratevi i cd/dvd di installazione del sistema ospite che volete installare, in questa guida centos 5.5 32bit

Verificate i requisiti delle macchine da sostituire (i più importanti: memoria, numero CPU, dimensioni dei dischi e spazio libero/occupato, carichi di lavoro) ed in base a questi stabilite le caratteristiche fisiche della macchina da predisporre.

Nel mio caso:
server 1:
2 CPU
512MB Ram
Disco da 80GB per i dati, occupazione 51% stima di crescita bassa (valutando la crescita negli anni passati)

server 2:
4 CPU
4GB Ram
Disco da 130GB, occupazione 11% (incluso il sistema operativo) crescita costante ma molto lenta (2 anni di vita)

Il server (host) che ho acquistato per virtualizzare le macchine (guest) sopracitate:
2 Intel Xeon E5506 (per un totale di 8 cpu con tecnologia virtualizzazione intel)
12GB Ram
dischi 4 x 146GB SAS 15Krpm in raid 5 (circa 400GB disponibili)
2 schede di rete gigabit ( 3 sarebbero state meglio! )

Preparazione del server:
Verificate nel bios che le funzionalità di virtualizzazione intel (o amd a seconda delle vostre cpu) non siano disabilitate, a volte succede.

Se è previsto un raid hardware preparatelo con le utility specifiche del produttore, dopodichè fate il boot e iniziate l'installazione di Centos.

C'è solo una cosa a cui prestare molta attenzione: la selezione dei pacchetti (per preparare questa macchina ho utilizzato l'installazione grafica, così è più semplice selezionare i pacchetti desiderati).

Una volta arrivati alla selezione dei pacchetti ho selezionato solamente: server, server GUI (e nel dettaglio KDE che io preferisco, ma è questione di gusti) e rimosso tutto il resto, fate molta attenzione a scegliere la personalizzazione dei pacchetti "immediata" (in basso nella schermata) così il passaggio successivo potremo scegliere alcuni pacchetti più specifici.

La finestra è divisa in 2 parti, sulla sinistra delle "macro-categorie" di pacchetti mentre sulla destra delle categorie ridotte; selezionate la macro-categoria Virtualizzazione e poi a sinistra scegliete kvm e non virtualizzazione altrimenti sarà installato xen, iinstallate anche gli strumenti di amministrazione.

Potete scegliere anche altri pacchetti in base alle vostre esigenze e rimuoverne (io ho rimosso tutto quello che riguarda bluetooth, isdn e smart card); personalmente penso che dovendo occuparsi solo della gestione di macchine virtuali a questo server non saranno necessari molti "fronzoli".

Procedete poi con l'installazione del sistema; nella configurazione del firewall lasciatevi aperta la possibilità di collegarvi con ssh ed eventualmente altri "server" (a.e. web, samba, ecc.) a seconda delle vostre necessità, relativamente a selinux io l'ho impostato in permissive.

Una volta completata l'installazione verificate che non ci siano problemi con l'hardware, driver mancanti, e nel caso risolveteli prima di procedere con il resto.
E' sempre meglio essere sicuri che tutto funzioni correttamente perchè, lo ribadisco, se questo server "cede" anche le macchine virtuali non saranno disponibili.

Verificate che kvm sia caricato e funzionante, con un :
lsmod |grep kvm

Dovreste vedere kvm e kvm-intel (o kvm-amd per le cpu amd)

Ora è il momento di utilizzare un po' la console, le prossime operazioni sono più semplici e veloci usando la shell:

yum install bridge-utils tunctl

Le bridge utils sono già alla versione più recente ad oggi, mentre le tunctl saranno da aggiornare; già che ci siete installate anche il vostro editor preferito (se non è vi, io uso joe).

A questo punto è necessario decidere che tipo di "rete" dovranno avere le nostre macchine virtuali, se dovranno essere visibili sulla LAN dai client è necessario impostare i bridge in caso contrario, ovvero che potranno accedere alla lan ma non essere raggiunte dai client saltate direttamente alla parte di creazione delle macchine virtuali (e ciudete la console!).

Creazione dei bridge:
Prima di impostare i bridge è necessario dare una "regolata" ai servizi che dovranno gestirli, network manager non li digerisce bene per cui dovremo disattivarlo, ecco la sequenza di comandi:
chkconfig NetworkManager off
chkconfig network on
service NetworkManager stop
service network start


Ora prepariamo/modifichiamo gli script necessari all'attivazione delle schede di rete e dei bridge, nel mio caso ho deciso di dedicare un bridge ad entrambe le 2 macchine virtuali e di utilizzare una scheda per ogni bridge in modo da tenere separato il traffico.

Aprite con l'editor:
/etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth0
aggiungete:
BRIDGE=br0

/etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth1
aggiungete:
BRIDGE=br1

Ora create:
/etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-br0
con:
DEVICE=br0
TYPE=Bridge
BOOTPROTO=dhcp
ONBOOT=yes
DELAY=0


/etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-br1
con:
DEVICE=br1
TYPE=Bridge
BOOTPROTO=dhcp
ONBOOT=yes
DELAY=0

Ora riavviate il servizio: service network restart

Adesso configuriamo iptables per permettere il traffico di rete attraverso i bridge:
iptables -I FORWARD -m physdev --physdev-is-bridged -j ACCEPT
service iptables save
service iptables restart


Ricaricare i parametri e riavviare il servizio di virtualizzazione:
sysctl -p /etc/sysctl.conf
service libvirtd reload


A questo punto utilizzando brctl show vediamo i bridge attivi, una cosa simile a questa:
bridge name	bridge id		STP enabled	interfaces
br0 8000.0030488e31ac no eth0
br1 8000.0030488e31ad no eth1
virbr0 8000.000000000000 yes

Nota: non "attaccate" nulla a virbr0 è un "dispositivo" virtuale che serve per il nat dei bridge.

A questo punto il nostro sistema Host è pronto, consiglio un riavvio della macchina ed una successiva verifica che tutto sia a posto prima di creare le macchine virtuali.

Creazione di una macchina virtuale:
Per la creazione della macchina virtuale utilizzeremo l'interfaccia grafica, questo perchè rende il compito più semplice.
Avviate il "Manager della macchina virtuale" (se usate KDE lo trovate nel menù sotto la voce Sistema) e create una nuova macchina con il bottone "Nuovo" in basso a destra della finestra, ora sarà molto semplice creare la macchina virtuale ecco i passaggi che si presenteranno.
Installeremo come guest Centos 5.5 32bit

1) Inserite il nome della macchina virtuale, questo è quello che sarà visualizzato nel manager e non il nome dell'host

2) Scegliere il metodo di virtualizzazione, unica scelta possibile è la Full ovvero la virtualizzazione completa, le caratteristiche del sistema da installare e scegliete i686 (per un sistema 32bit, x86_64 se installate un sistema a 64bit), scegliete come "gestore" della macchina  kvm  (in alternativa c'è qemu)

3) In questo passaggio si ceglie il metodo di installazione della nuova macchina, selezionate ISO/CD, poi dalla tendina il tipo di sistema operativo, che in questo caso è Linux, e la variante (per centos 5.5 selezionate Red Hat 5.4 o successiva)

4) Ora selezionate la sorgente per l'installazione, se usate il cd/dvd usate l'opzione corrispondente e dopo averlo inserito selezionatelo nell'apposita casella

5) Ora viene richiesto lo spazio per la macchina virtuale, potrete scegliere se allocare un'intera partizione o se destinare una quantità specifica (espressa in MB), a voi la scelta, nel mio caso per il "server 1" destino 60GB circa. ATTENZIONE: è presente una casellina già selezionata per allocare immediatamente tutto la spazio, vi consiglio di togliere questa opzione se volete risparmiare tempo, per preparare 60GB ci ha messo quasi mezz'ora (e i miei dischi non sono poi così lenti!), cosa che ho fatto per la seconda macchina (a cui ho riservato 100GB).

6) Questo passaggioo permette di specificare il tipo di rete per la macchina virtuale, quello di default (virtuale) va bene se la macchina non deve essere vista sulla lan (e quindi se non avete fatto i bridge), in questo caso scegliete la seconda opzione e selezionate eth0 con bridge br0

7) Ultimo passaggio: indicare quante cpu e quanta ram destinare alla macchina virtuale, relativamente alla ram ho impostato la ram massima a 2GB e la stessa quantità all'avvio.

Premendo Fine verrà creata la macchina virtuale (in var/lib/libvirt/images/nome-della-macchina.imgt) e sarà avviata l'installazione dal cd/dvd inserito.

Note varie:
Nella finestra dove procede l'installazione della nuova macchina (se è una macchina crerata precedentemente basta selezionarla dal Manager e cliccare su Apri) scegliete la linguetta Hardware per impostare/cambiare la configurazione hardware ed il dispositivo di avvio della macchina virtuale se necessario.
Da qui, inoltre, selezionando Boot dalle opzioni sulla sinistra, è possibile impostare l'avvio della macchina virtuale all'avvio del server HOST (cioè che venga avviata quando accendete il server reale).


Note/suggerimenti/critiche sono sempre ben accetti purchè permettano di far maggiore chiarezza e/o ampliare quanto sin qui spiegato.

Ricordatevi che il backup vi fa dormire bene la notte, soprattutto nel week end!

Commenti *

1) Re: Virtualizzare con Centos e KVM
Scritto da ifconfig il 28 Gennaio 2011, 13:08:31
Ottima guida !!!!!!!!!!!!
2) Re: Virtualizzare con Centos e KVM
Scritto da dankan77 il 28 Gennaio 2011, 18:28:09
Ottima Guida, lato mio però...aggiungere giusto qualcosina.
1) Scheda di rete a 1000 in più :-P
2) La configurazione di DRBD sul server HOST (classica soluzione mono-nodo) in attesa che arrivi un secondo server o pc di fortuna:-P
3) Esport della share DRBD via NFS in modo da rendere possibile la migrazione a caldo delle macchine visto che DRDB supporta anche soluzione a 3 nodi!!!

Ciao
3) Re: Virtualizzare con Centos e KVM
Scritto da LonelyWolf il 29 Gennaio 2011, 18:11:52
Grazie dankan, non appena riuscirò a virtualizzare uno dei server (ed è lo scopo per cui tutto questo ha avuto inizio!)  ne avrò un altro a disposizione proprio per realizzare una cosa del genere.

Ov viamente seguiranno le relative guide, sempre che servano a qualcuno.
4) Re: Virtualizzare con Centos e KVM
Scritto da zendune il 01 Febbraio 2011, 19:07:32
grazie per la dedica.
mmmm, con il nuovo server in arrivo DRBD potrebbe essere interessante... devo studiare ^_^
5) Re: Virtualizzare con Centos e KVM
Scritto da Andrea3v il 17 Febbraio 2012, 16:50:45
Perfetto funziona tutto, grazie, l'unico problema è la lentezza della macchina virtualizzata(xp) sembra un 8086 con disco da 10 mb e fdd, comunque, prima o poi, scopriro il perchè, per il resto direi che ci siamo dual processor con 8gb ram Centos 6.x lui è eccezionale, grazie ragazzi, andrea
I commenti per questo articolo sono stati disabilitati.

Notizie

Registrati ora per avere pieno accesso a tutte le risorse della community , necessaria anche per area download, i link nei post, e altre funzioni.

Collegamenti

Posts Recenti

Utenti
Statistiche
  • Post in totale: 12506
  • Topic in totale: 2793
  • Online Oggi: 184
  • Massimi online: 536
  • (26 Luglio 2012, 11:06:17)
Utenti Online
Utenti: 0
Visitatori: 167
Totale: 167

Permessi

-no content-

ShoutBox!

Ultimo 5 Shout:

trattore

28 Settembre 2015, 03:30:48
ma qui non c'è mai nessuno
 ;)

ivo

26 Agosto 2015, 16:01:14
Ho configurato il DHCP creato il file /etc/dhcpd.conf con il seguente contenuto
-------------------------------------------------------------------------------
ddns-update-style interim;
ignore client-updates;

authoritative;

subnet 172.16.208.96 netmask 255.255.255.240 {
    option routers      
 

ifconfig

03 Aprile 2015, 19:02:35
NON REGISTRATEVI CON EMAIL HOTMAIL/LIVE/OUTLOOK SPESSO NON ARRIVANO LE MAIL

Mostra ultimi 50